3 pensieri su “6. SCUOLA DI VETRO: DATI E PROFILI ONLINE”

  1. La trasparenza, la misura fine a sé stesse non esprimono se la scuola, i docenti e gli studenti stanno lavorando BENE. Dietro la misura ci deve essere una strategia e dopo questa degli obiettivi misurabili.
    L’eccesso di trasparenza digitale, e una analisi non completa degli obiettivi, possono esprimere un’immagine non reale e recare danno in un contesto non correttamente governato.

  2. L’affermazione :
    ” La trasparenza non è una mera rendicontazione che arriva alla fine del processo amministrativo. Dobbiamo pensarla invece come elemento “fondativo” nell’amministrazione, gestione e programmazione della scuola. ”
    presenta un principio corretto : che il processo e il giudizio non rispondano esclusivmente a criteri e principi AMMINISTRATIVI.
    Infatti, la misura della prestazione di una scuola è una questione che implica processi di natura ORGANIZZATIVA e SOCIALE.
    Differentemente da un BILANCIO AMMINISTRATIVO, la misura di questi aspetti richiede indicatori molto ben ponderati, e soprattutto una visione sul LUNGO periodo. Il rischio è infatti che le scuole che operano in condizioni disagiate per problematiche territoriali (morfologia, economia) o di integrazione (disagio sociale, disabilità, immigrazione), si vedano penalizzate in misurazioni sbilanciate e limitate al singolo periodo di tempo.

  3. SINTESI FINALE (provvisorio)

    La trasparenza, la misura fine a sé stesse non esprimono se la scuola, i docenti e gli studenti stanno lavorando BENE. Dietro la misura ci deve essere una strategia e dopo questa degli obiettivi misurabili.
    L’eccesso di trasparenza digitale, e una analisi non completa degli obiettivi, possono esprimere un’immagine non reale e recare danno in un contesto non correttamente governato.
    L’affermazione :
    ” La trasparenza non è una mera rendicontazione che arriva alla fine del processo amministrativo. Dobbiamo pensarla invece come elemento “fondativo” nell’amministrazione, gestione e programmazione della scuola. ”
    presenta un principio corretto : che il processo e il giudizio non rispondano esclusivmente a criteri e principi AMMINISTRATIVI.
    Infatti, la misura della prestazione di una scuola è una questione che implica processi di natura ORGANIZZATIVA e SOCIALE.
    Differentemente da un BILANCIO AMMINISTRATIVO, la misura di questi aspetti richiede indicatori molto ben ponderati, e soprattutto una visione sul LUNGO periodo. Il rischio è infatti che le scuole che operano in condizioni disagiate per problematiche territoriali (morfologia, economia) o di integrazione (disagio sociale, disabilità, immigrazione), si vedano penalizzate in misurazioni sbilanciate e limitate al singolo periodo di tempo.

Lascia un Commento